Lettere e poesie: come partecipare


Carissimi Amici
Come ricorderete, avevo già invitato molti di voi a partecipare con le vostre poesie all’ ”Angolo di Grazia” affinché fosse non solo mio, ma uno spazio condiviso. Nessuno ha mai sguainato penne e matite ma ora non avete più scuse: una nuova sezione è sul sito di IncontraDonna, con il titolo “Lettere e poesie”, in evidenza anche nello slider in home.
Non solo poesie ma pensieri, riflessioni, emozioni.
A volte la vita ci porta ad affrontare momenti difficili, che lasciano segni profondi, la scrittura mette in moto un meccanismo catartico attraverso il quale i pensieri corrono senza barriere permettendoci di esprimere anche le emozioni più nascoste, i sentimenti inconfessati, difficilmente gestibili nella comunicazione verbale, permettendoci di superare blocchi e timori.
Sarà un arricchimento di prospettive, un’occasione per aprirsi e confrontarsi, con spontaneità e rielaborazione.
Siete tutti benvenuti, inviate i vostri scritti a info@incontradonna.it, questa volta vogliamo leggervi!
Grazia Castiglione

Aspetto
sola
che mi riceva.
Tutte sono entrate prima di me e si sono trattenute per cinque minuti.
Tra poco sarà il mio turno.
Sono curiosa di vedere la faccia del dottore mentre mi dice che va tutto bene.
Lui ancora non arriva.
Avrà avuto problemi con il parcheggio ma sono certa che mi raggiungerà.
É stato carino ad accompagnarmi ma non ce n'era bisogno.
E la porta si apre.
Il mio nome rimbomba nell'ambulatorio.
Presente
Piacere
(Facciamo in fretta).
Pausa
Busta
Esito
Signora...
Non ho una bella notizia
(Amore mio dove sei?)
La biro scorre sul foglio a tracciare in pochi tratti il mio destino.
Non uno ma due ospiti indesiderati
Neoplasia bilaterale
(Amore mio dove sei?)
Signora...
Intervento massimo la prossima settimana.
Vado a prenotare la sala operatoria.
La porta si apre
Le impiegate stanno per uscire
La voce del chirurgo tuona
Ho di là una signora con un TUMORE Datemi retta

Io intanto aspetto,
sola.
Sono già oltre
Voglio solo
risposte
soluzioni
prospettive.
Dietro di me un battito

Smarrito
È arrivato
Ha sentito
Non respira più
Non riesce nemmeno ad entrare
E
Basta uno sguardo
Dietro a un velo di lacrime
Basta stringersi le mani
In silenzio
E siamo noi
E sono te
E tu sei me
E insieme
all'unisono
Un passo
Commosso
Verso la speranza
Io non ho paura
Aspetto con te
Cambio con te
La metamorfosi sconosciuta e inattesa
Sono magra
calva
eterea
sopra le righe
insospettabile
diretta
Il mio corpo cambia
Invaso dalla malattia,
innamorata di me
quanto te
Ma qui
dentro
Ancora io
Il meglio di me
Grazie a te

 

Elena Parravicini

Creato: Domenica, 07 Aprile 2019 06:20
Condividi questa pagina

IncontraDonna onlus. Occupiamoci di seno. La donna PARTE INTEGRANTE di un percorso di salute.

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy.