Lettere e poesie: come partecipare


Carissimi Amici
Come ricorderete, avevo già invitato molti di voi a partecipare con le vostre poesie all’ ”Angolo di Grazia” affinché fosse non solo mio, ma uno spazio condiviso. Nessuno ha mai sguainato penne e matite ma ora non avete più scuse: una nuova sezione è sul sito di IncontraDonna, con il titolo “Lettere e poesie”, in evidenza anche nello slider in home.
Non solo poesie ma pensieri, riflessioni, emozioni.
A volte la vita ci porta ad affrontare momenti difficili, che lasciano segni profondi, la scrittura mette in moto un meccanismo catartico attraverso il quale i pensieri corrono senza barriere permettendoci di esprimere anche le emozioni più nascoste, i sentimenti inconfessati, difficilmente gestibili nella comunicazione verbale, permettendoci di superare blocchi e timori.
Sarà un arricchimento di prospettive, un’occasione per aprirsi e confrontarsi, con spontaneità e rielaborazione.
Siete tutti benvenuti, inviate i vostri scritti a info@incontradonna.it, questa volta vogliamo leggervi!
Grazia Castiglione

Cara Anna, lo so che ci stai guardando e stai pensando: ”ma guarda questi sfaticati non sono andati nemmeno a lavorare per pensare a me”! Come si fa a non pensare a te. Tu sei stata per noi l’esempio vivente di cosa vuol dire affrontare la malattia sempre con il sorriso e con una forza da leone: Chemio e laboratorio, Flebo e laboratorio. Non ci hai abbandonato neanche per un momento e se avevamo un problema: tu sì che eri sempre presente a spronarci ad andare avanti anche sei i tuoi problemi erano di gran lunga superiori ai nostri.

Ieri è successa una cosa strana. La sera dello spettacolo Marisa ed Anna si preoccupano sempre di portare qualcosa da mangiare. L’attesa è lunga e per esperienza pranzare alle 12,30 e cenare a mezzanotte crea dei vuoti allo stomaco insopportabili. Ho chiesto a tutti se pensavano di portare qualcosa da mangiare, ma nessuno rispondeva: erano già tutti presi dall’ansia dello spettacolo serale. Sono rimasta stranita perché Anna mi avrebbe sicuramente scritto che ci pensava lei e Marisol avrebbe organizzato qualcosa e noi avremmo portato qualcos’altro. Invece Anna non mi poteva rispondere: era già salita in cielo all’ora in cui ho scritto e ci guardava divertita vicino a Dio e alla nostra cara Madonnina, spronandoci a dare il meglio che potevamo. E ieri sera tutto è stato perfetto, come per magia.

Grazie Anna sono convinta che in qualche modo ci farai sapere della tua presenza in laboratorio. Mi dispiace solo che non potrai più prepararci le tue meravigliose torte! T.V.B.

Dani

Daniela Gallieri

Creato: Lunedì, 17 Luglio 2017 13:20

Ci unisce una ferita, dal cui sangue è nata una pianta nuova, un'amicizia che vola leggera nei grovigli della vita, un'amicizia che si rafforza nella gioia e nel dolore, un'amicizia che attraversa le parole.

Maria Laura Tini

Creato: Martedì, 27 Giugno 2017 15:26

"Si sta come d'autunno sugli alberi le foglie" ma tu le tue stagioni le hai vissute intensamente con grazia,  delicatezza, coraggio, generosità, determinazione e competenza, responsabilità ed allegria, amore e rispetto per l'altro e per il bello

La tua umanità: un grande insegnamento, un dolcissimo ricordo.

Maria Laura Tini

Creato: Martedì, 27 Giugno 2017 15:15

Arrivederci Anna, piccolo, meraviglioso fiore, sfiorito troppo in fretta, come le splendide azalee di cui andavi tanto fiera.

Senza fatica ti sei conquistata un posto nei nostri cuori, con il tuo garbo, la tua gentilezza, con il tuo sorriso.

Eri sempre grata per i piccoli gesti, le piccole attenzioni che avevamo per te ma siamo noi a ringraziarti per la tua forza che ci ha dato coraggio, per aver trovato sempre le parole giuste, per esserci stata AMICA.

A volte il pudore dei sentimenti non ci ha fatto dire quanto ti amassimo e adesso è troppo tardi, ma siamo certi che tu lo sapevi già.

Siamo stati fortunati ad averti tra noi, resterai nei nostri cuori, lì dove albergano i ricordi più preziosi.

Il Laboratorio Teatrale

 

 

Creato: Venerdì, 09 Giugno 2017 13:44

Senologia, vorresti togliere la esse

Come se il problema non ci fosse

Essere lì per bere fino ad esser brilla

Con le altre donne che ti fan da spalla

Per la privacy sei diventata un fiore

Anche con l’iperidrosi ed il suo afrore

Ti chiameranno rosa o margherita

Ma ti tremano le dita

Viso emaciato e occhiaie che sembri un emo

Ti senti solamente un crisantemo

E appassita ogni speranza

Quando esci dalla stanza

Con visione pessimistica

Sei nella statistica

Ogni anno cinquantamila

Tutte meste, tutte in fila

Teste rasate come deportate

Sono le immagini stereotipate

Ma no! C’è IncontraDonna, invece

Non vedere nero pece

Corsi di trucco

Scambi di parrucco

Un aperitivo o una pizza

Parlando della zizza

Magari non saranno ‘ste strafiche

Ma sono di sicuro vere Amiche

Esperienze, sofferenze e gioie da condividere

Imparando a sorridere

Di ottimismo grandi serbatoi

Se il mondo a volte non è rosa, lo coloriamo noi

 

Grazia Castiglione

Creato: Giovedì, 09 Febbraio 2017 15:07

IncontraDonna onlus. Occupiamoci di seno. La donna al centro della Salute.

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy.