PILLOLE ROSA

 la rubrica curata per voi dalla prof. ssa Bonifacino

di Caterina Buonomini D.O.
Osteopata Fisioterapista Preparatore atletico

 

 

Il seno, nella cultura occidentale, è emblema simbolico di femminilità nella doppia accezione di donna come madre che nutre e accudisce e di donna sexy che attrae e concupisce.
Ci sono donne che, ancora giovani, si sottopongono a interventi di mastoplastica, per aumentare o diminuire il volume del seno. Nella cultura mitologica l'asportazione della mammella destra, nelle Amazzoni, era appropriazione dell'aggressività maschile.

Ci sono, però, anche donne che sono costrette all’asportazione parziale o totale del seno, a causa di un tumore. Ed è di loro, che dobbiamo occuparci, per curare il trauma fisico e quello psicologico derivante da questo intervento chirurgico il quale, però, almeno negli ultimi anni, permette di continuare a vivere in piena salute. La moderna chirurgia consente infatti di sottoporsi a interventi meno invasivi rispetto al passato e molto più mirati (obiettivo è ottimizzare gli interventi salvaguardando il tessuto mammario sano); inoltre, oggi, si effettua una riabilitazione precoce, fondamentale per rendere la situazione molto più sostenibile, sentendosi accudite e protette.

Sappiamo quali sono le conseguenze di una mastectomia o quadrantectomia con dissezione ascellare, è quindi auspicabile che la paziente venga seguita e guidata da subito, perché la tempistica è un elemento fondamentale, nel suo percorso riabilitativo, che va dai consigli sul tipo di idratazione con creme emollienti e creme per il cheloide, al controllo del processo di guarigione della ferita chirurgica per evitare retrazioni e/o cheloidi, alla precoce mobilizzazione dell’arto interessato, al drenaggio linfatico per aiutare la formazione di canali linfatici collaterali, all’utilizzo di creme solari con protezione 50+, agli esercizi per evitare che cicatrice o eventuali dolori possano modificare la postura della paziente.

Il trattamento manipolativo osteopatico (OMT), associato al normale drenaggio linfatico e alla mobilizzazione dell’arto superiore, permette di ridurre l’edema presente in minor tempo(1): solo otto/dieci sedute di trattamento osteopatico possono amplificare notevolmente gli effetti della tradizionale riabilitazione del linfedema(2), alla quale, chiaramente, si aggiunge un netto miglioramento della qualità di vita della paziente, accelerando il processo di benessere personale fisico e psicologico.
La brevità del percorso terapeutico, sempre ma soprattutto in questo caso, è essa stessa efficacia ed elemento di accettazione e riscoperta della vita.

 

(1) http://www.chinesis.org/joomla/images/DECENNALE_OSTEO/Abstract/Ratti.pdf
(2) http://www.osteopatianews.net/articolo/nuovo-intervento-osteopatico-in-pazienti-sottoposte-amastectomia.aspx

Creato: Martedì, 20 Ottobre 2015 13:06
Condividi questa pagina

Il seno


Informarsi


IncontraDonna onlus. Occupiamoci di seno. La donna PARTE INTEGRANTE di un percorso di salute.

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy.